Bonus casa 2018: tutte le agevolazioni fiscali per risparmiare

Bonus casa 2018: tutte le agevolazioni fiscali per risparmiare

Bonus casa 2018: tutte le agevolazioni fiscali per risparmiare

Tra conferme, revisioni e novità, il pacchetto dei bonus fiscali per risparmiare sui costi dei lavori in casa quest’anno è super-conveniente! Ecco le agevolazioni principali.

 

Mai come quest’anno gli sconti fiscali per sistemare casa, condominio e aree verdi premiano e (ri)pagano, permettendoci di detrarre dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) delle cospicue percentuali su un limite massimo di spesa, da ripartire in quote annuali. Occhio al fattore tempo: in via generale, i bonus per gli interventi nelle singole unità abitative (sismabonus a parte) sono in scadenza il 31/12/2018, mentre per i condomìni il termine è il 31/12/2021. Pronti ad aprire il cantiere?


Bonus ristrutturazioni

La manovra ha confermato la detrazione IRPEF al 50% su un ammontare massimo di spesa di 96mila euro, per i lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e, solo sulle parti comuni di edifici residenziali, di manutenzione ordinaria.


Bonus mobili

Prorogato anche lo sconto fiscale del 50% su una spesa massima detraibile di 10mila euro da dividere in 10 rate annuali di pari importo per l’acquisto di arredi e di grandi elettrodomestici in classe A+ o superiori, usufruibile però solo se destinati alla casa nella quale sono stati effettuati i lavori edilizi.


Bonus verde

Nuova entrata per il bonus “green” del 36% per le spese destinate agli interventi di recupero delle aree verdi di cortili, giardini, terrazzi o balconi e coperture di immobili a uso abitativo, privati o condominiali, che permette di richiedere il rimborso dei costi sostenuti fino a 5mila euro per unità immobiliare, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo. Tra i lavori che possono concorrere alla detrazione c’è anche la progettazione e manutenzione degli interventi.


Ecobonus

Noto anche come “sconto energia”, il beneficio fiscale sugli interventi di riqualificazione energetica con spese massime detraibili variabili e recuperabile in 10 anni è stato integrato e in parte modificato:

si attesta al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica globale di interi edifici che migliorano di almeno il 20% il fabbisogno di energia primaria; per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda; per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti geotermici o a pompe di calore ad alta efficienza, oppure dotati di caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe energetica A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;

scende invece al 50% per l’acquisto e l’installazione di infissi e schermature solari e per la sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale con caldaie a biomassa o con caldaie a condensazione meno efficienti e prive di termoregolazione evoluta.

salgono al 70% e al 75% gli extra-bonus per gli interventi in condominio che, rispettivamente, eliminano le dispersioni termiche su oltre il 25% delle superfici e migliorano le prestazioni energetiche invernali ed estive. Un esempio di intervento che gode del maxi-bonus al 75%? La realizzazione del cappotto termico per la facciata!


Sismabonus

La detrazione per la messa in sicurezza di edifici nelle zone sismiche 1, 2 e 3 (ad altissimo, alto e medio rischio) resta in vigore al 50% fino al 31 dicembre 2021 con un limite massimo di spesa pari a 96mila euro da suddividere in 5 quote annuali di pari importo. Tuttavia, più alto è il livello di adeguamento antisismico, più alto sarà lo sconto IRPEF: se dall’intervento deriva la riduzione di una classe di rischio sismico, il bonus aumenta al 70% per le singole unità immobiliari e al 75% per le parti comuni di edifici condominiali. Se intervenendo si riesce a ridurre il rischio sismico di due classi, la detrazione passa all’80% (per unità) e all’85% per le opere nei condomini.


Qual è il bonus giusto (e più conveniente) per te?

Se hai dubbi, puoi scoprirlo rivolgendoti a un consulente fiscale esperto, l’unico che potrà aiutarti a capire come fruire della massima agevolazione possibile per ogni intervento. Potresti così verificare anche la possibilità di beneficiare di più detrazioni, anche se non sulla medesima spesa.

L’articolo Bonus casa 2018: tutte le agevolazioni fiscali per risparmiare proviene da Assistenza Casa | Blog.